• Skin

Siamo tutti un po’ spendaccioni, diciamocelo apertamente. C’è chi spende e spande in scarpe, borse, occhiali da sole… e chi riserva il proprio budget ai prodotti di bellezza. È facilissimo entrare in profumeria e accorgersi solo alla cassa di aver fatto fuori metà del proprio patrimonio, per non parlare dei danni economici che siamo in grado di fare online (ciao sezione Beauty su Asos, ciao!). In Europa il tutto è pure aggravato dal fatto che non si possono restituire i cosmetici che non ci piacciono o non vanno bene per noi, come possono fare i nostri amici negli USA, quindi una volta salutati i nostri soldi non c’è speranza di rivederli. Decidere come investire i propri risparmi è un’abilità da non sottovalutare, soprattutto a inizio anno, quando molti di noi hanno la parola RISPARMIO scritta a caratteri cubitali nella lista dei propositi per il 2017. Per quanto mi riguarda, l’approccio è un po’ un mix: se si tratta di makeup cerco di tamponare facendomi dei regalini low cost qua e là, che plachino il mio desiderio di cose nuove quanto basta per non andare in rosso, ma se si tratta di skincare non scendo a compromessi.

fare-un-investimento

La cura della pelle con prodotti di fascia medio-alta è una filosofia di vita, un’ipoteca sul futuro, un investimento. Letteralmente. Come da definizione nel vocabolario è l’“impiego di una somma di denaro in un’impresa”, la missione è prendersi cura del proprio viso e far sì che i risultati siano visibili nel tempo. Se ci pensate, è davvero il cuore di un investimento, il fatto che non ci si accontenti del breve termine, ma si provi a fare qualche sacrificio perché in futuro i frutti da raccogliere siano succosi ed elastici come una pesca (o una 🍑). A questo punto una domanda sorge spontanea: ma c’è davvero tutta questa differenza tra i prodotti di skincare economici e quelli costosi? La risposta è sì, ça va sans dire, la qualità si paga. Gran parte del prezzo sull’etichetta è dovuto all’esperienza, di cui fanno parte branding, boccetta, etc. Una beauty routine di lusso non è ottima soltanto per l’apporto di bellezza, ma anche per una coccola puramente psicologica. Sia per gli occhi, estasiati dall’esposizione delle bellissime confezioni, che per la pelle. I prodotti di skincare costosi portano con sé una ritualità opulenta e magica, che vi regalerà una gita alla SPA ogni mattina o sera in cui li starete applicando. All’inizio è tutto arcobaleni e unicorni, poi diventa una vera e propria addiction, e non potrete più farne a meno.

questione-di-formula

A livello di formula, la spesa è giustificato da più fattori. In primis il costo degli ingredienti, più o meno ricercati e complessi da lavorare, che potrebbero non essere accessibili a tutti i brand. Prendete ad esempio il Miracle Broth™, il mix di attivi fondamentale in tutta la linea di prodotti La Mer. È un cocktail esclusivo di alghe e acqua marina, creato in seguito a anni di studio in laboratorio, ineguagliabile per complessità ed esclusività della formula. Un altro caso è il Retinolo 8 – brevettato da Verso, fino a otto volte più potente della vitamina A che normalmente si può trovare nei cosmetici e nei prodotti senza prescrizione medica. Arrivare a queste formule necessita anni di studi e tentativi, sarebbe difficile per un’azienda vendere a poco un’expertise di questo calibro.

la-differenza-si-sente

In secondo luogo è l’eleganza in sé della formulazione ad alzare il prezzo. Se avete mai provato a mettere a confronto una crema low cost con una più lussuosa, è probabile che le prime differenze siano state nell’esperienza di applicazione: morbidezza della texture, scorrevolezza, la sensazione di non avere residui sulla pelle dopo qualche secondo… Queste qualità all’interno di una formula sono solitamente dovute a ingredienti aggiuntivi o trattati in modo diverso, che risultano più piacevoli nel caso dei prodotti di lusso. Credetemi, nel mio caso so bene di cosa sto parlando. Dopo aver provato almeno 40 diverse creme viso, si sente la differenza tra qualcosa che è stato creato per essere semplicemente applicato e un prodotto che vuole regalarvi un’esperienza (nonché rendere giustizia al suo valore fino all’ultimo centesimo).

fate-le-vostre-ricerche

Un altro fattore importante da considerare sono le ricerche scientifiche e analisi di mercato fatte dai vari brand. Queste giustificano in parte il valore del prodotto, ma soprattutto vi danno degli elementi in più per operare consapevolmente la vostra scelta. Tramite i risultati delle ricerche i marchi vi danno modo di percepire che le loro promesse non saranno disattese, e che ci sia una garanzia sul vostro investimento prima di dover provare sulla vostra pelle il valore del prodotto. Purtroppo la regola non è sempre valida per i brand indipendenti, che spesso non hanno budget elevati al punto da permettergli estese analisi di mercato, anche se la loro ricerca di materie prime è ottima. In quel caso dovrete fidarvi e fare un piccolo passettino nel vuoto, sperando che i vostri desideri vengano esauditi. In questa situazione forse non conviene comprare tutta la linea ad occhi chiusi, ma iniziare sperimentando per esempio con il prodotto di punta per poi eventualmente provarne altri.

e-ora-shopping

Tornando ai consigli per l’acquisto, l’arte di mixare è la chiave. Un po’ come nella moda, alternare low cost e luxury per la skincare mi sembra il miglior suggerimento che posso darvi. Potete comprare un detergente relativamente economico e investire nel siero o nel trattamento per il contorno occhi, a seconda dei risultati che vorreste ottenere sulla vostra pelle. Una volta trovata la strada che fa per voi, via libera alle spese pazze! Prendetevi il tempo e la pazienza di fare qualche errore all’inizio, perché trovare il proprio Santo Graal non è un’impresa facile. Una volta adocchiato, non abbandonatelo più, così che i vostri investimenti possano dare i loro frutti. Vi ho convinti? Nella gallery trovati i suggerimenti da cogliere per far fruttare ogni singolo centesimo. Buono shopping!

9 risposte a “Perché investire in prodotti skincare”

  • Thanks for the article, however I disagree with some of the points. A lot of “cheap” cosmetics and high-end cosmetics have 90% (or more) of the same ingredients in their formulas. Many of the high-end products (especially anti-aging ones) also use ingredients that create a temporary illusion of skin improvement, such as silicones which will smoothen out the skin, but not provide any real moisture (because they don’t penetrate the skin). Any improvements achieved with such products will disappear as you discontinue their use.
    My advice as a cosmetic scientist would be to start researching some common ingredients in skincare and learn what their function is. (Some of the most commonly used ingredients are quite scary, and due to that, I personally only use organic skincare.)That way one can not be fooled by elaborate marketing campaigns and paid celebrity and influencer endorsements. I do agree that buying high-end products feel luxurious. However, it is good to be able to assess wether one is actually buying a product for the sake of buying that brand, not for “enhanced performance”.

    Maria

    http://www.chicpursuit.com

    Rispondi a Maria

    Instead of spending a bunch of money on expensive and fancy creams you should invest in a dermatologist, who will prescribe the right treatment for your skin, and they will cost you a lot less.

    Rispondi a Paula
      • TBS Crew

        Hi Paula, you’re right, this is also a very good solution, especially for someone who has more serious skin concerns. In some countries visits to a specialist can be pretty expensive and end up costing you more than your whole routine!

        Rispondi a TBS Crew
altri commenti...

Parla con noi!