Non esiste un incarnato perfetto! Proprio così. Prima o poi vi capiterà di veder comparire sul vostro volto un brufolo, occhiaie o qualche arrossamento. Per questa ragione sono stati creati i correttori, ma bisogna far attenzione al colore e alla texture per far in modo che funzionino perfettamente. Infatti nel caso non scegliessimo la giusta tonalità, potremmo addirittura evidenziare maggiormente il problema. Quindi fate molta attenzione ai nostri consigli e prendete appunti per scegliere il correttore giusto per voi!

Qual è il problema? Se si tratta di coprire un brufolo, basterà mettere il correttore dove necessario, se invece si dovessero nascondere arrossamenti o couperose, è preferibile sfumarlo nel miglior modo possibile affinché non si noti lo stacco con il fondotinta. Per quanto riguarda le occhiaie bisogna far attenzione a non metterlo solo sotto l’occhio: l’ideale è creare un triangolo che abbia due angoli che partano dall’estremità dell’occhio fino a scendere sulla guancia per formare il terzo angolo e infine sfumare.

La texture ideale: come sceglierla in base alla pelle. Possiamo trovare correttori liquidi, in crema, in stick, in polvere e in penna. Quelli liquidi sono adatti alle pelli più mature e secche e sono ottimi per le piccole imperfezioni. I correttori in crema sposano le pelli miste e hanno una copertura ottimale del difetto. Lo stesso vale per quelli in stick. Quelli in polvere, invece, sono consigliati per chi ha la pelle grassa. Quello in penna spesso è anche un illuminante e va benissimo per le occhiaie. I correttori più secchi sono quelli che coprono maggiormente i brufoli (questo stampatelo nel cervello, perché tutte noi abbiamo vissuto la catastrofe da “sos brufolo”).

Il colore giusto per ogni problema. Come il fondotinta, anche il correttore dipende dal sottotono della pelle, quindi chi possiede un sottotono caldo dovrebbe utilizzare una nuance tendente al rosa, mentre chi lo ha freddo, una nuance più vicino al beige. Ma esistono dei colori specifici che vanno a correggere dei problemi altrettanto specifici: il verde copre i rossori, l’arancione copre le occhiaie blu, il lilla corregge le occhiaie scure e il nude/beige copre i brufoli. Questo è il motivo per cui sarebbe utile possedere una palette con tutti i colori, più uno specifico adatto alla nostra pelle, da poter utilizzare sopra per rifinire e rendere ancora più invisibile il nostro piccolo difetto.

Quando va applicato il correttore? Non esiste il “momento migliore”, ovvero non esiste una regola che stabilisca se vada applicato prima o dopo il fondotinta: dipende dai prodotti. Se il fondotinta è molto coprente, per esempio, il correttore potrà essere l’ultimo step. Se al contrario è leggero e l’imperfezione evidente, sarà meglio applicarlo prima e magari, se non si riesce a coprire del tutto, anche dopo. Per quanto riguarda il metodo, anche in questo caso dipende dal prodotto: si può sceglierle di farlo con la spugnetta oppure con le dita o con il pennello, specialmente se il correttore è cremoso.

Avete preso nota? Ora non vi resta che prendere spunto dalla nostra gallery!

3 risposte a “Correttore: che texture scegliere, come si applica (e quando!) e il colore giusto per noi”

altri commenti...

Parla con noi!