Ha appena compiuto 30 anni, ma ha già una stella Michelin nel suo curriculum: lo chef Federico Gallo, che ha portato la Locanda del Pilone a guadagnare il tanto ambito riconoscimento culinario, è la dimostrazione del fatto che quando si mettono insieme passione, creatività e duro lavoro, i risultati arrivano. E a lui non è servito aspettare molto: dopo aver viaggiato in giro per il mondo e aver lavorato a fianco di Cannavacciuolo, è stato il primo chef ad aggiudicarsi il premio come Miglior Giovane Chef della guida, conquistando l’edizione 2017. La sua cucina è tradizionale con rivisitazioni contemporanee che la rendono interessante e mai banale, ma anche facilmente comprensibili sia agli italiani che agli stranieri. Il suo cavallo di battaglia? Il tonno di coniglio, un piatto tipico piemontese. Ma se ci invitasse a casa sua ci conquisterebbe con spaghetti aglio olio e peperoncino! Gli abbiamo fatto qualche domanda per la nostra intervista col rullino a cui ha risposto con foto che ci fanno venire l’acquolina…Federico aspettaci perché torneremo presto da te alla Locanda del Pilone!

Tagged in:

4 risposte a “Intervista col rullino: Federico Gallo, miglior giovane chef Michelin 2017”

altri commenti...

Parla con noi!