Lifestyle - May 9, 2023

Tra sogni e rivoluzioni, a Forlì una nuova mostra dedicata all’arte della moda

“L’arte della moda. L’età dei sogni e delle rivoluzioni, 1789 – 1968” è una grande esposizione ideata e realizzata dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì che si terrà al Museo Civico San Domenico dal 18 marzo al 2 luglio 2023. L’esposizione, diretta da Gianfranco Brunelli e curata da Cristina Acidini, Enrico Colle, Fabiana Giacomotti e Fernando Mazzocca, racconta il rapporto fra arte e moda attraverso tre secoli, dal XVIII al XX secolo. Un vero e proprio racconto, tra dipinti, sculture, accessori, abiti d’epoca e contemporanei provenienti da importanti istituzioni museali nazionali e internazionali.

Tra gli artisti, stilisti e Maison di moda presenti troveremo Tintoretto, William Hamilton, George Romney, Francesco Hayez, Silvestro Lega, Telemaco Signorini, James Tissot, Giovanni Boldini, Vittorio Corcos, Henry Matisse, Giacomo Balla, Piet Mondrian, Umberto Boccioni, Giorgio de Chirico insieme con Charles Frederick Worth, Ventura, Mariano Fortuny, Paul Poiret, Coco Chanel, Germana Marucelli, Valentino, Giorgio Armani, John Galliano per Dior, Gucci, Tom Ford, Cristobal Balenciaga. La moda dipinta, ritratta, scolpita e realizzata dai grandi artisti, rappresenta un rapporto in cui l’arte rispecchia, crea e si fa moda e, viceversa, la moda appartiene alle arti.

SCOPRI LE IMMAGINI DELLA MOSTRA “L’ARTE DELLA MODA – L’ETÀ DEI SOGNI E DELLE RIVOLUZIONI. 1789-1968”









 

“L’esposizione a Forlì è un abbraccio tra arte e moda. Si fondono in un unico respiro, raccontando la bellezza in un viaggio attraverso i secoli.”

 

 

Questa mostra è stata realizzata grazie alla collaborazione di importanti entità a livello locale e nazionale. In particolare, Intesa Sanpaolo, main partner dell’esposizione. Poi, tra gli altri partner, Apt Servizi e Destinazione Romagna, Elfi, Gruppo Florence, Hera, Ima e Mapei.

L’esposizione a Forlì presenta oltre 300 opere che raccontano il rapporto tra arte e moda attraverso i secoli. Le opere, tra cui quadri, sculture, abiti d’epoca e contemporanei, mostrano come la moda sia stata rappresentata e interpretata dagli artisti nel corso dei secoli. Tra le opere esposte ci sono capolavori provenienti da importanti istituzioni museali internazionali e da musei italiani. Il Musée d’Orsay di Parigi, la Galleria Belvedere di Vienna, il Musée d’Art et d’Histoire di Ginevra, la Klimt Foundation e il MAK- Museum of Applied Arts, di Vienna, la Galerie Neue Meister di Dresda, Le Domaine de Trianon|Château de Versailles, il Kunstmuseum de l’Aia, il Museum National di Cracovia, il Castello Reale di Varsavia. In Italia, invece, le Gallerie degli Uffizi di Firenze, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, la Pinacoteca Agnelli di Torino, il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, il Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la Pinacoteca di Brera di Milano, i Musei Civici di Mantova, l’Istituto per il Teatro e il Melodramma – Fondazione Giorgio Cini di Venezia, il Museo del Novecento di Milano e moltissime altre realtà.

Top 5
Slicked-back hair: il beauty trend perfetto per l’estate
  Con l’arrivo dell’estate, si sa, è tempo di abbracciare uno stile senza sforzo come il classico hair trend slicked-back […]
I look più belli del Festival di Cannes 2024
Benvenuti nel sfavillante immaginario del Festival di Cannes, dove il cinema si mescola con la moda e lo stile diventa […]
Scopri il nuovo iPad Air: più potente, versatile e green
Apple apre le porte al racconto di un’altra rivoluzione nel mondo della tecnologia con il suo ultimo annuncio. Parliamo del […]
Scopri la prima collezione Cruise di Sabato De Sarno per Gucci
\i“Esplorare una direzione creativa significa entrare in uno spazio pre-esistente e farlo vedere attraverso i tuoi occhi, passando di sala […]
La nuova campagna di Missoni con Irina Shayk
L’iconica modella Irina Shayk, regina indiscussa delle passerelle globali, domina – ancora una volta – il fashion system grazie all’incredibile […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare