Beauty - October 20, 2018

The Blonde Salad incontra…l’Estetista Cinica

Noi donne siamo disposte a tutto pur di combattere la cellulite, i punti neri, le macchie o le rughe. Anche a credere ai miracoli! Beh, ci spiace dirvi la cruda verità: i miracoli beauty non esistono, ma dei prodotti molto validi sì! E a dircelo non è una beauty guru a caso, ma l’esperta di bellezza che del suo cinismo ha fatto la firma. The Blonde Salad ha incontrato l’Estetista Cinica, anche nota come Cristina Fogazzi, per un pomeriggio di chiacchiere sul mondo dei social, del beauty e alcuni luoghi comuni da sfatare. Leggete subito la nostra intervista qui sotto!

 

Forse non tutti sanno che l’Estetista Cinica è nata quasi per caso…

È nata perché volevo arredare il mio centro estetico in un modo diverso dal solito. Di solito nei saloni si vedono due tipi di quadri: o i mandala tibetani o i dipinti di Botero. Abbastanza deprimenti entrambi, non trovate? Volevo fare delle vignette che avessero come protagonista questa estetista un po’ cinica e tagliente. Ho raccontato questa idea alla mia amica Veronica, alias Spora sui social, che fa l’architetto. La sua risposta? “Questa è una fantastica pagina Facebook!”. Ha preso la penna, ha disegnato al volo la vignetta e l’ha messa online: il riscontro è stato immediato. Abbiamo iniziato solo con le vignette, tanto che i follower non erano sicuri che l’Estetista Cinica fosse una persona reale e non solo un fumetto. Più cresceva la pagina, più abbiamo lavorato sui contenuti beauty, sui video, sul blog. Infine, lo shop online, che oggi è una delle mie principali attività. uestQue

View this post on Instagram

L’estetista cinica vende i prodotti perchè va alla tv. L’estetista cinica vende i prodotti perchè ha alle spalle gli investitori che pagano L’estetista cinica vende i prodotti perchè sembra Vanna Marchi I prodotti dell’estetista cinica sono cari I prodotti dell’estetista cinica sono copiati I prodotti dell’estetista cinica te li puoi fare a casa con acqua e sale I prodotti dell’estetista cinica hanno un inci mediocre L’estetista cinica è grassa e i suoi prodotti allora non funzionano Pensare che una donna con vent’anni di esperienza nel settore beauty possa sapere quali sono le problematiche della pelle più di un direttore commerciale e quindi FORSE abbia messo in produzione dei prodotti beauty onesti e funzionali che col passaparola siano diventati una case history proprio non si puó. Pensare che questa donna abbia trovato un’azienda piccola che le ha permesso di partire producendo 30 creme per volta ma che poi sia stata in grado di produrne 5000 per volta strutturandosi alla velocità della luce proprio non si puó (@biogei_cosmetici parlo di voi) Pensare che Ignazio (la mia logistica) fosse semplicemente un negozio MBE ed abbia preso in affitto 2 spazi in più nel giro di 4 mesi per tenere il mio magazzino proprio non si puó. Meglio credere che ci sia il trucco, l’inganno, la truffa, la fuffa non il lavoro serio ed onesto. Ma oggi ho deciso di essere onesta fino in fondo. Il segreto del mio successo è solo uno. IO CAVALCO GLI UNICORNI. E mi faccio fare le foto da @eleonoraph E truccare da @giuliasinesi #estetistacinica #cinicomood #cinicostyle

A post shared by Cristina Fogazzi (@estetistacinica) on

Ma quanto c’è di Cristina Fogazzi nell’Estetista Cinica?

Tutto. L’estetista Cinica è Cristina Fogazzi! È una sorta di alter-ego che mi accompagna da quando ho iniziato a lavorare nel settore beauty, agli inizi degli anni Duemila. Il mio centro estetico a Milano è arrivato dopo, nel 2009.

 

Quanto i social secondo te hanno cambiato il modo in cui le donne si avvicinano al beauty e all’estetica? In meglio o in peggio?

Il cambiamento è stato sicuramente positivo. Grazie ai social, molte ragazze giovani hanno iniziato ad avvicinarsi ai centri estetici, che fino ad allora erano avvolti da stereotipi e pregiudizi. Oggi basta aprire Instagram per vedere tutte le principali influencer mentre fanno dei trattamenti. In passato, era molto difficile che ragazze di 20-25 anni entrassero in un salone per chiedere un trattamento oggi molto richiesto come il laser, un po’ per paura e un po’ per mancanza di informazioni. Con il web è possibile invece non solo informarsi, ma anche vedere delle ragazze della stessa età che utilizzano un prodotto e non nascondono la propria opinione al riguardo, positiva o negativa che sia. Allo stesso tempo, però, il mondo beauty è diventato talmente fruibile che difendersi dalle fake news è molto complicato. Noi donne, purtroppo, abbiamo un difetto: quando parliamo di bellezza, tendiamo a staccare la parte razionale e a credere al “miracolo”. Diete fantasiose, beveroni, caps e creme che promettono risultati incredibili… Ci piace percorrere la via che sembra più breve. Male che vada, avremo speso qualche decina di euro, ma non avremo certo fatto scoppiare un conflitto mondiale con una fake news beauty!

 

Siamo ormai in autunno. Cosa ti chiedono di più le tue clienti/follower?

Ora c’è un forte momento viso. Tornate dal mare, c’è chi si è macchiata, chi ha scoperto le prime rughe e chi si è riempita di brufoli. Poi c’è anche chi ha preso qualche chilo di troppo in vacanza. Diciamo che a settembre, di solito, si fanno due grandi promesse: l’abbonamento in palestra e il pacchetto di trattamenti dall’estetista. Poi magari in palestra non si va, invece dall’Estetista Cinica si va eccome!

 

View this post on Instagram

Ebbene sì. Ho una Barbie customizzata (regalo di @roberta.deiana). La mia Barbie, per questioni di lavoro, sta seduta per molte ore al giorno. Questo per lei che è fatta di plastica non è un grande problema ma per voi che siete fatte di carne e microcircolazione sanguigna POTREBBE esserlo. Potrebbe. Perchè se non avete problemi alle gambe non dovete farvi venire inutili paranoie. Ma se le vostre gambe fanno i capricci e meglio voi vi attrezziate per affrontare l’inverno sedute alla grande. Oggi nelle stories vi spiego un po’ di cose. Ma prima mi sistemo i capelli. A dopo. Foto @eleonoraph (che sto cercando di rapire per sempre dalle sgrinfie di @paolostella) #estetistacinica #cinicomood #cinicostyle

A post shared by Cristina Fogazzi (@estetistacinica) on

 

Chi viene da te sa sempre di poter trovare quello che ci offri su Instagram…

Il mio centro estetico funzionava anche prima dei social, oggi ovviamente il riscontro si è ampliato. Ma è importante restare fedeli a se stessi. Se io in ufficio fossi diversa da come appaio sui social, avrei visto il fenomeno ridimensionarsi in poco tempo. E poi diciamolo, le donne con me si trovano bene perché non le faccio sentire in colpa. Le terrorizzo sì, ma le faccio anche ridere!

 

Tre luoghi comuni che non puoi più sentire?

Che tutte le donne hanno la cellulite e che questa si combatte bevendo o andando a correre. La risposta è no a tutte e tre (vedi le Stories di The Blonde Salad per saperne di più!). à se fosse possibile fare un link alle Stories di TBS che dovrebbero essere visibili sul sito

 

Nasci estetista, ma oggi sei una businesswoman con un cliccatissimo store online… raccontaci!

Siamo ormai al terzo anno. Anche qui è nato tutto un po’ per caso. Avevo realizzato dei prodotti per il mio centro e abbiamo pensato di proporli anche online, sulla scia del successo che iniziavo ad avere su Instagram. Ora è diventato il business principale. Siamo partiti da 30 pezzi per ogni prodotto, ora siamo a qualche migliaio. Come sono le mie creme? Oneste. Non prometto che la vostra pelle diventerà come quella di Penelope Cruz, ma certamente vi garantirà un miglioramento.

 

In questo periodo stiamo parlando moltissimo del bodyshaming sui social. Perché secondo te è così facile dirci cose così negative sui social?

Perché lo facciamo anche nella realtà. Quando si vuole insultare una donna, si dicono tre cose: brutta, vecchia e grassa. Purtroppo è un problema di mentalità su cui dobbiamo lavorare ancora moltissimo, i social sono una cassa di risonanza di quello che facciamo anche nella vita reale. Che poi, non esiste differenza tra mondo dei social e la vita quotidiana: non si pensa mai che dietro lo schermo ci sia una persona vera, con dei sentimenti, che magari può soffrire per un insulto. All’inizio anche io ci rimanevo molto male, ora ci ho fatto un po’ più il callo. Per questo ammiro moltissimo Chiara Ferragni: sta dando una grande lezione su come essere sempre noi stessi e su come andare avanti per la propria strada sia la strada da seguire. Non dobbiamo snaturare noi stessi per piacere ad altri. Mai mettere in dubbio la nostra identità!

Top 5
Paris Fashion Week: la collezione uomo Primavera/Estate 2025 di Louis Vuitton
  Nella cornice suggestiva del Palazzo dell’UNESCO a Parigi, Louis Vuitton ha presentato la sua ultima collezione uomo per la […]
La prima collezione di Alessandro Michele per Valentino
Il fashion system è letteralmente in fermento dopo la presentazione della Pre-collezione Primavera-Estate 2025 di Valentino, firmata dal nuovo direttore […]
Nameless Festival 2024: l’inizio della stagione dei festival estivi in Italia
I festival estivi, si sa, rappresentano una parte fondamentale della cultura italiana. Non sono solo eventi musicali, ma veri e […]
The Attico: ecco svelata la collezione Neapolis
The Attico, il brand italiano fondato da Gilda Ambrosio e Giorgia Tordini, ha recentemente svelato la sua attesissima collezione Fall […]
Becoming Karl Lagerfeld: ecco perché guardare la serie dedicata al designer
Karl Lagerfeld, il visionario designer e Kaiser del fashion system, è scomparso nel 2019 – dopo aver scritto ben quattro […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare