Fashion - November 29, 2022

Chi sono i fondatori delle maison di moda ad esserne ancora direttori creativi?

Ormai da qualche tempo a questa parte, sembra quasi che l’industria della moda stia assumendo sempre più un ruolo simile a quella del calcio. Vengono continuamente nominati nuovi direttori creativi e sono in molti a fare supposizioni su questi continui ed estenuanti cambiamenti. Tutto ciò sembra molto simile ad un gioco, ma difatti non lo è. Abbiamo inoltre notato quanto la moda inizi sempre più a sentire la pressione di un mercato saturo – soprattutto parlando dei consumatori.

Il designer non sembra più bastare, oggi le case di moda necessitano sempre di più di figure in grado di reinventare – in alcuni casi di far risorgere – un brand. Così la figura del direttore creativo sembra, sempre più, assumere un ruolo da protagonista nell’intero fashion system.

Negli ultimi anni abbiamo visto Matthew Williams essere nominato direttore creativo di Givenchy, Kim Jones di Fendi, Raf Simons unirsi a Miuccia da Prada, Glenn Martens di Y/Project prendere il comando di Diesel dopo Renzo Rosso. Ultima fashion news di spicco vede Alessandro Michele, dal 2015 direttore creativo della maison italiana Gucci, lasciare inaspettatamente il suo ruolo. Anche in questo caso, quella pressione a cui vi abbiamo già accennato non sembra affatto placarsi, gli amanti del settore sono già a domandarsi: Ma dove andrà adesso Michele?

Ci sono innumerevoli esempi di designer che, come Alessandro Michele, nel momento in cui hanno ottenuto la direzione creativa un brand hanno successivamente scelto di orientarlo – creativamente parlando – verso il loro immaginario estetico. Così la collaborazione con eventuali brand di successo, più che esaltare la maison di moda stessa, sembra quasi creare clamore attorno al direttore creativo.

Il ruolo di un direttore creativo è molto diverso da quello del fondatore di un brand. Negli ultimi anni è cambiato drasticamente, difatti questa è una tra le posizioni più alte del mondo della moda, forse dopo l’amministratore delegato. È importante che il creative director ispiri il team dei creativi e che offra loro una leadership eccellente per il futuro della casa di moda.

Questa figura lavorativa, però, raccoglie l’eredità del fondatore del brand, cercando una trasposizione attuale al racconto di quell’estetica a cui tutti pensiamo quando ci viene nominato un marchio. L’heritage, si sa, non perde significato, ma ne assume uno completamente nuovo. Ci sono ancora oggi delle case di moda ancora profondamente legate al ruolo del loro fondatore, che ne è al contempo ancora mente creativa. Tra questi designer ne citiamo alcuni iconici come Miuccia Prada, Giorgio Armani, Rick Owens, Marc Jacobs e Vivienne Westwood, sino alle più young Victoria Beckham e Stella McCartney.

I FONDATORI DI FAMOSE MAISON DI MODA CHE ANCORA OGGI NE DETENGONO LA DIREZIONE CREATIVA









Top 5
Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo singolo ed il prossimo album di Dua Lipa
Dua Lipa, la celebre pop star vincitrice di numerosi premi, ha appena rilasciato il secondo singolo del suo attesissimo terzo […]
London Fashion Week: la nuova collezione Fall/Winter 2024-25 di Burberry
  La Settimana della Moda di Londra, nonostante sia spesso considerata meno rilevante rispetto ad altre, continua a dimostrare la […]
Buon compleanno Millie Bobby Brown: aspettando l’uscita del film “Damsel”
  Oggi è un giorno speciale per l’amatissima Millie Bobby Brown, poiché celebra il suo compleanno mentre si prepara per […]
BAFTA 2024: i best look sul red carpet e tutti i vincitori
Anche quest’anno, i premi BAFTA hanno incantato non solo per la straordinaria eccellenza cinematografica, ma anche per il fascino e lo […]
“Dune: Part Two”, la premiere londinese del film con Zendaya e Timothée Chalamet
Nel cuore della magica Londra, si è tenuta ieri sera una premiere epocale che ha lasciato un’impronta indelebile nella storia […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare