Fashion - July 1, 2019

DIOR HAUTE COUTURE FW 2020: UNA COLLEZIONE TOTAL-BLACK COME OMAGGIO AL POTERE FEMMINILE

Una famosa canzone jazz degli anni Cinquanta recitava ‘Bewitched, Bothered & Bewildered’ (stregato, scocciato, sconcertato). Sono tre parole chiave che Maria Grazia Chiuri sembrava avere bene in mentre nel realizzare la collezione Haute Couture FW 2020 di Christian Dior, in un sorprendente total-black.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-1.jpg

L’ispirazione femminista questa volta è duplice, e si divide fra l’antichità classica e il mito storico della stregoneria.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-2.jpg

Si parte innanzi tutto dal setting: location prescelta per lo show è infatti lo storico palazzo in 30 Rue Montaigne dove monsieur Dior aprì la sua prima boutique, e che per l’occasione si è trasformato in una sorta di foresta gotica con tronchi attorcigliati, giochi di luce e di ombre, e un sali-scendi di scale quasi labirintico, che poi porta a un giardino in piena fioritura.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-3.jpg

A completare la suggestione ci sono le illustrazioni dell’artista femminista Penny Slinger, che utilizza uno stile quasi surrealista per rappresentare gli elementi naturali: volti incorniciati da farfalle a simboleggiare l’aria, un viso coperto da mani le cui dita sono diventate lingue di fuoco. In questa realtà mistica iniziano a sfilare le modelle, vestite completamente di nero.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-4.jpg

L’idea è quella di una coven di streghe che si riuniscono per compiere dei rituali: ci sono chiari richiami all’alchimia come la presenza di piume di gallo scure dai riflessi verdi, cappucci posati sulla nuca e velette nere che creano un gioco di vedo-non-vedo sul viso.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-5.jpg

Ci sono le frange, tipiche dell’abbigliamento degli sciamani, collane con grandi ciondoli d’oro come quelli delle sacerdotesse celtiche, e sandali bassi che sostituiscono i tacchi: in un bosco bisogna camminare in piena comodità.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-6.jpg

I tessuti sono leggeri ed eterei: taffetà ricamato, pizzo sottile e finemente lavorato, raso sfaccettato, cui si accostano a dettagli di sequin e inserti di piume, cristalli e pietre dure. Le silhouette rispettano perfettamente l’estetica di Christian Dior.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-7.jpg

Gli scolli sono geometrici e mettono in risalto elementi sensuali come le spalle, la scollatura, l’arcata del collo; i vitini sono stretti, spesso evidenziati da cinture, e poi esplodono in gonne ampie e voluminose. La caratteristica dominante resta però il nero, colore che da sempre è associato al mistero e alla magia.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-8.jpg

Altro elemento che ha ispirato la direttrice creativa è l’antichità classica, che in modo particolare fa riferimento alle cariatidi. Elemento architettonico che sorregge, è una colonna di supporto senza cui una struttura crollerebbe su se stessa. Il richiamo al ruolo della donna nella società è forte e chiaro: è la teoria del cigno nero, secondo cui grandi eventi della storia passano inosservati, così come lo è stata per moltissimi secoli la femminilità.

the-blonde-salad-dior-haute-couture-fall-winter-2020-9.jpg

A completare il tutto, un beauty look ideato da Peter Philips, Creative and Image Director di Dior Make-Up, che ha scelto di valorizzare gli occhi. Due linee di ombretto nero, nella parte superiore e nella rima interna dell’occhio, lo incorniciano conferendogli fascino e profondità. Niente mascara: così il risultato è più delicato. Per l’incarnato, un velo di fondotinta, sul quale è applicato un leggero illuminante che fa brillare la pelle di luce naturale. Anche le labbra sono nude, così che il focus sia tutto concentrato sull’intensità dello sguardo.

Quella di Dior è una bellezza femminile potente e misteriosa, carica di un fascino senza tempo. È la bellezza del cigno nero: rara, eccezionale e quasi magica.

Top 5
The Attico: ecco svelata la collezione Neapolis
The Attico, il brand italiano fondato da Gilda Ambrosio e Giorgia Tordini, ha recentemente svelato la sua attesissima collezione Fall […]
Becoming Karl Lagerfeld: ecco perché guardare la serie dedicata al designer
Karl Lagerfeld, il visionario designer e Kaiser del fashion system, è scomparso nel 2019 – dopo aver scritto ben quattro […]
Aspettando Jacquemus a Capri: i best look delle migliori collezioni
L’evento è programmato per oggi, 10 giugno, a Casa Malaparte, la villa modernista italiana che appare nel film “Il disprezzo” […]
Le migliori mini gonne per la Primavera/Estate 2024
  Con l’arrivo della Primavera/Estate 2024, un’icona del fashion system fa (così come ogni anno) il suo trionfale ritorno: la […]
Virginie Viard lascia la direzione creativa di Chanel
  Il mondo della moda si prepara a raccontare un nuovo capitolo, con l’annuncio dell’addio di Virginie Viard da Chanel. […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare