Fashion - October 5, 2020

Givenchy SS 21

Debutto in grande stile per il nuovo direttore creativo di Givenchy Mattew Williams, che, ebbene sì lo dichiariamo già da subito, forse per la prima volta non ha fatto sentire la mancanza dell’indimenticato Riccardo Tisci ai fan della maison. Con un battesimo attesissimo e ben riuscito Mattew Williams a Parigi ha presentato ieri la sua primissima collezione SS21 di Givenchy in un’ode alle silhouette iconiche del brand e a promettenti nuovi inizi.

Una collezione co-ed uomo e donna, come è ormai fil rouge di queste fashion week ai tempi di Coronavirus, che ha lasciato letteralmente tutti senza parole. Williams ha dichiarato “ Creare una collezione è come assemblare i pezzi di un puzzle, partendo da simboli e segni, senza mai dimenticare le persone che indosseranno i capi e daranno loro vita” L’importanza data alla vestibilità dei capi è ciò che forse a Givenchy mancava da tempo, il consumatore è il fulcro centrale degli abiti che sono più che mettibili e adatti ad essere indossati ogni giorno. Eleganza, Comfort e Glamour si fondono nei drappeggi iconici della maison mixati a completi sartoriali lineari e scollature profonde.

I look si fondono tra i due generi in maniera semplice e si legano con elementi comuni, come le maglie metalliche e i simboli che già promettono di diventare icone. Uno tra tutti il Lover’s Lock: un rimando ai lucchetti parigini su Pont Des Arts e il nuovo simbolo di un amore moderno e incondizionato. Assieme a questo, le G chains, catene composte da anelli a forma di G che impreziosiscono collane e bracciali, richiamando seppur con un prodotto nuovo, incredibilmente la storia stilistica di Hubert De Givenchy. Altro simbolo del mondo accessori è la storica borsa Antigona rivisitata in chiave mini e maxi, e la nuova unisex Cut-Out presentata in diverse varianti.

La sperimentazione di Williams parte dall’utilizzo dei materiali tecnici e sofisticati, in perfetto equilibro tra umanità e lusso così come la collezione è stata concepita. Il nero, colore simbolo della maison, è affiancato da nuance inedite come l’arancione, il viola e il sabbia. Gli abiti dell’universo donna sono sexy e mettibilissimi, si spazia da completi giorno più causal fatti di pantaloni dritti o minigonne pitonate abbinati a top halter con nodi e drappi oversize, passando per i completi coord con spalline maxi anni ’80 e vestiti lunghi cut-out. Il dettaglio inusuale? I nuovi sandali Marshmellow che, forse forse, stanno già entrando nella top ten delle tendenze della prossima estate. Insomma…un esordio col botto Matthew!

Top 5
Nameless Festival 2024: l’inizio della stagione dei festival estivi in Italia
I festival estivi, si sa, rappresentano una parte fondamentale della cultura italiana. Non sono solo eventi musicali, ma veri e […]
The Attico: ecco svelata la collezione Neapolis
The Attico, il brand italiano fondato da Gilda Ambrosio e Giorgia Tordini, ha recentemente svelato la sua attesissima collezione Fall […]
Becoming Karl Lagerfeld: ecco perché guardare la serie dedicata al designer
Karl Lagerfeld, il visionario designer e Kaiser del fashion system, è scomparso nel 2019 – dopo aver scritto ben quattro […]
Aspettando Jacquemus a Capri: i best look delle migliori collezioni
L’evento è programmato per oggi, 10 giugno, a Casa Malaparte, la villa modernista italiana che appare nel film “Il disprezzo” […]
Le migliori mini gonne per la Primavera/Estate 2024
  Con l’arrivo della Primavera/Estate 2024, un’icona del fashion system fa (così come ogni anno) il suo trionfale ritorno: la […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare