Fashion - May 29, 2019

HIGHLIGHTS DALLE SFILATE RESORT 2020: TUTTI I DETTAGLI PIÙ BELLI DA CHANEL A GUCCI

Il periodo degli show delle collezioni Resort 2020 è giunto al termine, e ciò che rimane è un sapore dolce e zuccherino, dal retrogusto amaro. Abbiamo assistito alla prima sfilata, nonché al primo trionfo, di Virginie Viard come direttrice creativa di Chanel, e tra fiocchi color lavanda, borse bon bon in sfumature di albicocca e baby pink, e maxi bag in denim trapuntato, il pensiero non può che andare a Karl Lagerfeld e a quanto mancherà il suo saluto finale al termine di ogni show.

A confermare l’amore del pubblico sono invece Nicolas Ghesquière e Pier Paolo Piccioli, che hanno portato Louis Vuitton e Valentino nel futuro della moda con accessori high tech, abiti che ricordano le architetture newyorkesi e profusione di piume, glitter e dettagli bold.

A Marrakech, Maria Grazia Chiuri crea per Dior un ponte fra ieri e oggi, fra la cultura francese e quella marocchina. Lo show che ha realizzato in omaggio a Yves Saint Laurent, un tempo direttore creativo della maison, è ricco di colore, di tessuti e ricami, di storia e cultura, ed è un invito a scoprire nuove realtà, esotiche, diverse e meravigliose, uscendo dai nostri confini per aprirci a un universo di creatività.

Prada è tipicamente milanese: c’è il guardaroba di chi finge di avere un abbigliamento semplice e spontaneo, ma che in realtà ha dietro un’immensa ricerca. Ispirazione anni Novanta, dettagli patchwork e sciarpe crochet, giacche stampante in calicò e un’allure girlish che traspare dai colori pastello.

Infine, Alberta Ferretti e Alessandro Michele regalano due meravigliose versioni della bellezza femminile: nel primo caso è l’eleganza easy chic della donna posh, quella che va in vacanza a Monaco e che sulla Croisette indossa un look total suede con un’impeccabile sobrietà, nel secondo, è invece la donna cultivé, quella che le vacanze le trascorre a Roma girovagando per i musei Capitolini con una borsa Bamboo sotto il braccio e un sacchetto pieno di libri acquistati in un flea market nell’alto.

Il risultato della stagione Resort? La riscoperta della femminilità negli elementi che le sono da sempre associati, quelli tradizionali, come i fiocchi e i fiori, i velluti e le piume, i dettagli brillanti, i colori pastello, e la cura maniacale dell’accessorio. Non c’è street style, niente sneakers: si torna sui tacchi, un filo di perle e uno di trucco, e quello che ne risulta è la donna di oggi: forte, determinata, che sa quello che vuole, che vuole tante cose, fra cui lo zaino oversize in tweed beige di Chanel.

Chanel

Louis Vuitton

 

Valentino

https://www.instagram.com/p/Bx0QXcJoixS/

https://www.instagram.com/p/Bxz_0HYIJ71/

https://www.instagram.com/p/Bx1TKgAIjvM/

Christian Dior

Prada

Alberta Ferretti

Gucci

View this post on Instagram

‘My Body My Choice’ is a feminist slogan from the 70s which appears on the reverse of this jacket seen before the #GucciCruise20 fashion show by @alessandro_michele. This piece echoes the Creative Director’s continuing vision of freedom, equality and self-expression. Since founding @chimeforchange in 2013—the global campaign that represents and advocates for gender equality—@gucci has a longstanding commitment to women and girls by funding projects around the world to support sexual and reproductive rights, maternal health, and the freedom of individual choice. Learn more about the global partners for sexual and family health rights the campaign is donating to in 2019, which can be found in @chimeforchange’s link in bio. @museiincomuneroma #AlessandroMichele #MuseiCapitolini

A post shared by Gucci Official (@gucci) on

View this post on Instagram

Moments before the #GucciCruise20 fashion show unfolding at Rome’s Capitoline Museums @museiincomuneroma, a look with ‘22.5.78’ refers to the date established of the Italian statute for the social protection of motherhood and the voluntary interruption of pregnancy, better known as statute 194. This jacket is created from @alessandro_michele’s continuing vision of freedom, equality and self-expression. Since founding @chimeforchange in 2013—the global campaign that represents and advocates for gender equality—@gucci has a longstanding commitment to women and girls by funding projects around the world to support sexual and reproductive rights, maternal health, and the freedom of individual choice. Because none of us can move forward if half of us are held back. Learn more about the global partners for sexual and family health rights the campaign is donating to in 2019, which can be found in @chimeforchange’s link in bio. #AlessandroMichele #MuseiCapitolini

A post shared by Gucci Official (@gucci) on

Top 5
The Attico: ecco svelata la collezione Neapolis
The Attico, il brand italiano fondato da Gilda Ambrosio e Giorgia Tordini, ha recentemente svelato la sua attesissima collezione Fall […]
Becoming Karl Lagerfeld: ecco perché guardare la serie dedicata al designer
Karl Lagerfeld, il visionario designer e Kaiser del fashion system, è scomparso nel 2019 – dopo aver scritto ben quattro […]
Aspettando Jacquemus a Capri: i best look delle migliori collezioni
L’evento è programmato per oggi, 10 giugno, a Casa Malaparte, la villa modernista italiana che appare nel film “Il disprezzo” […]
Le migliori mini gonne per la Primavera/Estate 2024
  Con l’arrivo della Primavera/Estate 2024, un’icona del fashion system fa (così come ogni anno) il suo trionfale ritorno: la […]
Virginie Viard lascia la direzione creativa di Chanel
  Il mondo della moda si prepara a raccontare un nuovo capitolo, con l’annuncio dell’addio di Virginie Viard da Chanel. […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare