Lifestyle , Travel guides - September 22, 2017

5 buoni motivi per scegliere Las Vegas come prossimo viaggio

A Las Vegas una volta atterrati e già nel taxi che vi porta in albergo vi verranno in mente subito 2 domande; 1) ma chi la paga tutta ‘sta luce qui? E 2) ma quante camere di albergo ci sono in questa città? Fidatevi, saranno queste le prime cose che vi verranno in mente dopo soli 10 minuti! Trascorsi 4 giorni nella città più grande del Nevada ho finalmente l’aggettivo definitivo per descrivere Las Vegas: eclettica.

Il centro della città non dorme mai, le insegne luminose ti tengono compagnia ovunque, turisti entusiasti e sorridenti popolano le strade, e gli alberghi alti e giganti sembrano messi lì per proteggerti dall’arido deserto poco distante. Per chi si aspetta che Vegas (così viene chiamata dalla gente del posto) sia solo casinò e azzardo, dopo i nostri 5 preziosi “buoni motivi” cambierà idea e non solo… avrà già la mano pronta per cliccare su “book the flight”.

1. Si mangia bene, ma davvero bene!
Posso essere sincero? Quando ero ancora in aereo ho pensato che il cibo che mi stessero dando le hostess fosse l’ultimo pranzo decente che avrei mangiato per i prossimi giorni… e invece sono stato felicemente smentito dai fatti. Da pranzo a cena sono rimasto sempre soddisfatto. Quindi vi nomino volentieri alcuni ristoranti che assolutamente dovete provare in città: super brunch da Bacchanal al Caesars Palace. Ragazzi credetemi quando dico che non ho mai visto un buffet così pieno di cibo: sembrava un matrimonio eppure non c’era nessuna vestita da sposa! Pesce fresco, cibo orientale, sushi e poi carne di ogni tipo, contorni a volontà e dolci a più non posso. Sarete pieni ma tanto appagati! Poi vi consiglio un pranzo da Giada, ristorante italiano aperto da una chef super famosa negli Stati Uniti. La pasta era molto buona (sapete che detto da un italiano vale doppio), e poi ho preso del pollo arrosto con salse e waffle a lato… un accostamento vincente (la foto del piatto nella gallery comprova quello che dico). Passiamo alla sera: fiondatevi subito da Sake Rok per una cena oltre che buona (la cucina qui è giapponese) anche divertente, perché quando meno ve lo aspettate lo staff del ristorante si metterà a ballare e cantare sul bancone del bar… geniali davvero!
L’ultimo ristorante di cui vi parlo è in Downtown, la zona più popolare della città e super diversa da quella centrale, dove da Oscar’s Steakhouse la carne è una libidine! Non perdetevi in antipasti o contorni vari, scegliete solo la carne e gustatevela con appetito, e piuttosto scegliete il dolce cookie: in pratica vi arriverà una padellina ancora rovente con biscotto cookie e gelato in cima… spiegare cosa si prova a mangiarlo è im-pos-si-bi-le!
















 

2. La tua star preferita in concerto
A Las Vegas c’è un Olimpo delle star e si chiama Planet Hollywood, il posto in cui ci sono i concerti più cool degli Stati Uniti. Secondo la programmazione che cambia di mese in mese ci succedono degli artisti davvero super interessanti. Alcuni esempi per la prossima stagione? Britney Spears, Backstreet Boys, Lionel Richie e Jennifer Lopez. Io partecipato al concerto di quest’ultima, la super JLo, che ha letteralmente buttato giù l’arena quella sera. Una performance forte, una presenza scenica pazzesca e un’acustica potente, insomma se tra questi c’è l’artista che avete sempre voluto vedere nella vostra vita sappiate che il Planet Hollywood è il posto giusto per il vostro desiderio!








3. Tutto il meglio dell’Europa in pochi metri!
Ma perché prendere tanti aerei, cambiare più nazioni e confrontarsi con lingue diverse, quando a Vegas in pochi chilometri c’è tutta l’Europa a portata di mano? Sì avete capito bene: Parigi, Monte Carlo, Roma e Venezia riprodotte (quasi fedelmente) tra le vie illuminate del centro. La Tour Eiffel è più piccola ma più luminosa di quella originale e i canali impareggiabili di Venezia sono fatti effettivamente bene… per non parlare delle riproduzioni di statue di Cesare, della fontana di Trevi e di altre opere del Bellini che si trovano all’interno del Caesars Palace. Nonostante è tutto molto carino, simpatico e caratteristico, lasciatemi specificare che non ha nulla a che vedere con l’emozione di trovarsi di fronte alle originali. Ma vale la pena!






4. Fa caldo, ma c’è una soluzione…
La temperatura a Las Vegas, soprattutto se ci andate in estate (e ve lo consigliamo come periodo, mica vorrete la pioggia battente dell’inverno), è abbastanza rovente…d’altronde siamo in mezzo al deserto, ricordate? Quindi cosa si sono inventati per resistere alla calura non essendo ovviamente al mare? Delle piscine fantastiche situate principalmente sui rooftop degli alberghi, e in molti di essi non importa se sei o meno cliente dell’hotel, basta prenotare e il lettino prima fila è riservato per te. Noi abbiamo provato il Cabana che si trova al W Las Vegas: contesto tranquillo, piscina pulita, gente che va lì solo per rilassarsi, e un bar pronto a preparavi cocktail freschi. No all’asfalto incandescente, sì alle piscine!








5. “Essere” Michael Jackson per un giorno
Chi ha vissuto gli anni Novanta è, volente o nolente, cresciuto a pane e Michael Jackson, e quando poi è morto ha pianto lacrime amare. Bene, oggi il re incontrastato del pop rivive grazie a uno spettacolo unico firmato Cirque du Soleil e che si chiama Michael Jackson ONE. Lo spettacolo, che da un po’ di tempo è resident all’interno del megagalattico edificio del Mandalay Bay Resort, ripercorre i momenti più iconici del cantante e riproduce le coreografie dei suoi video più conosciuti. Noi della redazione abbiamo avuto l’onore di entrare dietro le quinte e di vedere come si sviluppa un backstage di uno spettacolo così importante. Abbiamo quindi toccato con mano i costumi, abbiamo visto le sarte cucire giacche, e parrucchieri intenti a ultimare le ultime parrucche di scena. Il tour esplorativo non è finito qui perché io ho avuto l’opportunità di avere una lezione privata con il coreografo ufficiale del musical… indovinate un po’ cosa hanno cercato di insegnarmi? Il passo di danza più celebre del mondo, il Moonwalk…ovviamente non essendo io chissà che snodato lo abbiamo provato una miriade di volte! Il risultato è questo: scusami Michael non lo farò mai più! Ma a parte tutto, lo show merita tantissimo.










Top 5
The Attico: ecco svelata la collezione Neapolis
The Attico, il brand italiano fondato da Gilda Ambrosio e Giorgia Tordini, ha recentemente svelato la sua attesissima collezione Fall […]
Becoming Karl Lagerfeld: ecco perché guardare la serie dedicata al designer
Karl Lagerfeld, il visionario designer e Kaiser del fashion system, è scomparso nel 2019 – dopo aver scritto ben quattro […]
Aspettando Jacquemus a Capri: i best look delle migliori collezioni
L’evento è programmato per oggi, 10 giugno, a Casa Malaparte, la villa modernista italiana che appare nel film “Il disprezzo” […]
Le migliori mini gonne per la Primavera/Estate 2024
  Con l’arrivo della Primavera/Estate 2024, un’icona del fashion system fa (così come ogni anno) il suo trionfale ritorno: la […]
Virginie Viard lascia la direzione creativa di Chanel
  Il mondo della moda si prepara a raccontare un nuovo capitolo, con l’annuncio dell’addio di Virginie Viard da Chanel. […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare