Lifestyle , Travel guides - June 29, 2017

Sardegna on the road: 4 giorni dal Sud verso il Nord, attraverso le spiagge più belle d’Italia

Il problema di noi comuni lavoratori è sempre lo stesso (soprattutto in estate): poche ferie a disposizione e tanta voglia di evadere dall’afa della città. Quindi mettiamo il caso che abbiamo a disposizione 4 giorni (furbamente possiamo attaccare al weekend il venerdì e il lunedì) e abbiamo un disperato bisogno di mare e sole, il consiglio non può essere che uno: andate in Sardegna! Ormai lo sanno anche le pietre che le spiagge sarde sono tra le più belle d’Italia e d’Europa. Proprio per questo motivo, per non perderci nulla di questa regione e per sfruttare al meglio il poco tempo a disposizione, vi proponiamo una Sardegna on the road, da fare in macchina dal Sud fino al Nord, per non perdere le spiagge più incantevoli. Voi non dovete far altro che prenotare il volo per Cagliari e affittare una macchina, il resto ve lo diciamo noi.

GIORNO 1: Cagliari
Se potete, vi consigliamo di arrivare a Cagliari la sera prima, anche sul tardi, così potrete vivere il primo giorno interamente. Iniziamo il nostro viaggio dal capoluogo della Sardegna, che si trova nella parte più bassa della regione. Le spiagge più belle si trovano nei dintorni di Villasimius: Porto Giunco,Campulongu e Porto Sa Ruxi sono a qualche centinaio di metri l’uno dall’altro e potete anche pensare di visitarne una di mattina e l’altra nel pomeriggio. Una volta trascorsa una bella e intensa giornata al sole tornate in città: non lasciatevi scappare il magico tramonto cagliaritano sulla terrazza del Bastione di Saint Remy (che si trova esattamente al centro città). Ordinate il vostro drink preferito e attendete il sole che fa capolinea dietro il fantastico panorama. Dopo l’intera giornata al mare e una passeggiata al centro, fidatevi di noi: la fame si farà sentire. Cosa ne dite di mangiare dell’ottimo pesce? A Cagliari come potete immaginare c’è l’imbarazzo della scelta, ma noi vi consigliamo questi 2 ristorantini super buoni. Da Antica Cagliari, che si trova tra i vicoletti della città, ordinate gli spaghetti alle vongole, una vera goduria. Da Lillicu invece puntate sulle specialità sarde che la fanno da padrone!




 

GIORNO 2: San Teodoro
Sveglia presto e subito in partenza per San Teodoro, che dista circa 2 ore e mezzo da Cagliari. Visto che uno degli obiettivi della nostra vacanza è andare nelle spiagge più belle della regione, a San Teodoro non potete non andare alla Cinta, un pezzo di spiaggia anche abbastanza grande rispetto ai canoni sardi, in cui manco a dirlo il mare è incredibile. Più tardi nel pomeriggio (non possiamo perdere l’occasione di vedere più posti!), a soli 6/7 minuti di macchina c’è una spiaggia che vi lascerà a bocca aperta: si chiama Cala Brandinchi e descrivervi di che colore è l’acqua risulterebbe riduttivo, bisogna viverla! Dopo la spiaggia fate un aperitivo, e poi andate a cena da La Margherita dove dovete assaggiare per forza o le linguine all’astice oppure i Lados (pasta tipica sarda tipo gnocchi), con salsiccia, crema di pecorino e ricotta. Il dessert saltatelo e prendete il mirto doc sardo come digestivo.



GIORNO 3: Stintino
Nuovo giorno nuova spiaggia: questa volta siamo diretti verso una delle zone più al nord di tutta la Sardegna, precisamente a Stintino, in provincia di Sassari. Ragazzi fidatevi: qui ci troviamo di fronte a una dei paesaggi più belli mai visti prima. La spiaggia de La Pelosa per esempio è bianchissima e il mare è di un cristallino da far impallidire le tanto rinomate Maldive. In aggiunta a tutto questo, ci sono anche dei bar super carini dove prendere una birra al limone, così fresca da farvi dimenticare per un po’ del solleone sardo (ma vi avviso: l’Ichnusa al limone crea dipendenza!). Se volete vedere altre spiagge in questa zona potete dirigervi verso la Spiaggia delle Saline e Cala Lupo, altrettanto fantastiche. A cena invece andate a scoprire le specialità sarde di terra, magari in un ristorante nell’interno come l’Agriturismo Depalmas: inutile dire che non potete non mangiare il famoso porceddu, accompagnato ovviamente da una bottiglia di Cannonau!



GIORNO 4: Alghero
Purtroppo siamo già arrivati all’ultimo giorno di questa nostra vacanza on the road attraverso le zone più belle della Sardegna. Come ultima tappa abbiamo scelto Alghero, una città che vi sorprenderà. Qui le spiagge sono molto vicino al centro, ma se siete in cerca di tranquillità spingetevi fino alla spiaggia delle Bombarde. Per cena tornate in città: Alghero offre dei ristorantini davvero eccezionali, la cui posizione è davvero unica. In particolare scegliete i locali posizionati sulle mura della città, dove la vista sarà tra le più romantiche. Dopo cena un giro sul lungomare è d’obbligo: sul il porticciolo trovate alcuni reperti storici risalenti alle guerre mondiali, e se salite su per le mura di cinta c’è un castello, la cui corte adesso è diventato il vero centro storico della città con tanti negozietti e bar super carini. Non vi stupite se vedete i nomi delle vie in catalano, ad Alghero oltre il 20% della popolazione lo parla fluentemente perché la città è gemellata con ben 3 città spagnole.



Purtroppo è arrivato il momento di lasciare questa isola dalle tante meraviglie e di tornare in città, sicuramente più abbronzati e arricchiti da questa magnifica esperienza!

Top 5
Scopri i nuovi powder blush in stick di Kylie Cosmetics
Negli ultimi anni, come molti di voi avranno potuto notare, la passione per il blush ha conquistato sia lui che […]
Buon compleanno Nicole Kidman: i 5 migliori film da vedere
  Nicole Kidman, si sa, è un’icona di eleganza e incredibile talento. Ormai da diversi decenni domina il cinema internazionale […]
Paris Fashion Week: la collezione uomo Primavera/Estate 2025 di Louis Vuitton
  Nella cornice suggestiva del Palazzo dell’UNESCO a Parigi, Louis Vuitton ha presentato la sua ultima collezione uomo per la […]
La prima collezione di Alessandro Michele per Valentino
Il fashion system è letteralmente in fermento dopo la presentazione della Pre-collezione Primavera-Estate 2025 di Valentino, firmata dal nuovo direttore […]
Nameless Festival 2024: l’inizio della stagione dei festival estivi in Italia
I festival estivi, si sa, rappresentano una parte fondamentale della cultura italiana. Non sono solo eventi musicali, ma veri e […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare