Fashion - May 13, 2024

Scopri la prima collezione Cruise di Sabato De Sarno per Gucci

\i“Esplorare una direzione creativa significa entrare in uno spazio pre-esistente e farlo vedere attraverso i tuoi occhi, passando di sala in sala al fine di rimodellare l’edificio. Abbiamo scelto Londra per la sfilata Cruise, sapendo che era la scelta giusta. Devo molto a questa città, che mi ha accolto e ha saputo ascoltarmi. Lo stesso vale per Gucci, il cui capostipite fu ispirato dalla sua esperienza in questa città. Il ritorno della Maison è motivato dal desiderio di immergerci nell’essenza inconfondibile, nella forza creativa della città, con la sua infinita capacità di mettere in relazione i contrasti e di farli dialogare, incoraggiando la co-esistenza. Siamo qui oggi per celebrare questo spirito. La Tate Modern è lo scenario perfetto per raccontare l’essenza della città, con la sua grandiosa Turbine Hall che accoglie e riunisce chiunque, e i suoi Tanks, veri e propri generatori di idee”, ha dichiarato Sabato De Sarno in vista della sua prima Cruise di Gucci.

 

Nel cuore di Londra, presso la maestosa Tate Modern, Sabato De Sarno, il nuovo direttore creativo di Gucci, ha dato vita a un’experience senza precedenti rendendo omaggio non solo alla moda, ma anche alla ricca storia della città e alla storica Maison di moda italiana.

Una sinfonia di contrasti e armonie

La nuova e attesissima sfilata Cruise di Gucci ha trasformato la location in un magico palcoscenico di contrasti, tra rigore e stravaganza, solidità e delicatezza. Abbiamo avuto modo di ammirare la bellezza dell’architettura moderna in perfetto mashup con la natura in un vero e proprio viaggio surreale.

Il legame con Londra

Gucci, come molti di voi forse già sapranno, ha in realtà parte delle sue radici a Londra. Il fondatore, Guccio Gucci, aprì il suo primo negozio nel 1921 a Firenze, ma la storia della casa di moda risale a oltre due decenni prima, quando Guccio si trasferì a Londra all’età di 16 anni. Lavorando come portiere al Savoy Hotel, incontrò una variegata élite di aristocratici, artisti e capitani d’industria, da cui trasse ispirazione per creare oggetti che univano durabilità e unicità estetica.

 

Ecco svelati i best look dell’ultima collezione Cruise 2025 di Gucci, la prima di Sabato De Sarno

 



















Così De Sarno ha trasformato le sue esperienze in capolavori di moda, mescolando lo stile british e quello italiano. Ha sfidato le convenzioni, trasformando abiti da lavoro in capi sartoriali e street style.

La collezione ha esplorato le contraddizioni umane con audacia, trasformando la fragilità in forza e celebrando l’individualità. I simboli emblematici di Gucci e lo stile britannico si sono letteralmente fusi in un immaginario irripetibile, mentre l’artigianato e la moda hanno creato un linguaggio universale in grado di superare le barriere culturali. La palette di colori si presenta estremamente ampia, spaziando dal celebre Rosso Ancora alle diverse nuances ispirate ai colori della terra, con tocchi di verde acqua, bianco, nero, lilla e rosa. Tra fiocchi, abiti lunghi e svolazzanti e accessori destinati ad arricchire molti guardaroba, emerge un nuovo mondo così irresistibile.

Images by Launchmetrics / Spotlight

Top 5
I look più belli del Festival di Cannes 2024
Benvenuti nel sfavillante immaginario del Festival di Cannes, dove il cinema si mescola con la moda e lo stile diventa […]
Scopri il nuovo iPad Air: più potente, versatile e green
Apple apre le porte al racconto di un’altra rivoluzione nel mondo della tecnologia con il suo ultimo annuncio. Parliamo del […]
La nuova campagna di Missoni con Irina Shayk
L’iconica modella Irina Shayk, regina indiscussa delle passerelle globali, domina – ancora una volta – il fashion system grazie all’incredibile […]
Scopri i fondotinta migliori del momento per un make-up impeccabile
Il fondotinta, si sa, non è solo un prodotto cosmetico; è un alleato che ci permette di esprimere la nostra […]
L’estetica di Luca Guadagnino attraverso 5 suoi capolavori
Luca Guadagnino, come molti di voi già sapranno, è uno dei registi italiani (ma non solo) più amati degli ultimi […]
Non ci sono contenuti in archivio da mostrare